Menu Pagine
RESTAURO DEL FERRO

RESTAURO DEL FERRO

Domanda : qual’e secondo voi il metodo giusto di intervento di restauro?

Quello conservativo, mantenendo tutto nello stato in cui è?

Oppure  nel caso si debba fare delle parti mancanti si dovrà evidenziare il lavoro nuovo da quello originale?

O sarà una copia  fedele all’originale, magari usando del materiale simile?

 

ARGOMENTI DI TEORIA

Metodo di restauro conservativo nell’ambito architettonico.

Metodo di restauro conservativo dell’oggettistica.

Restauri nell’ambito di  vincoli delle soprintendenze

La documentazione di tutte le operazioni di restauro da includere sul  contratto.

La quantifica di spesa dell’intervento.

Integrazione di  spesa con documentazione allegata  non  preventivata.

Integrazione di spesa per eventuali ricerche storiche mancanti.

La pulizia tramite lavaggio da sali

I convertitori di ruggine

I prodotti reversibili documentabili.

I trattamenti e la conservazione.

Il materiale usato  per il  restauro con  le allegate certificazioni

 

OPERAZIONE PRATICA DELL’INTERVENTO DI RESTAURO

FORNITURA DA PARTE DELLA SCUOLA DI ELEMENTI STORICI DA SOTTOPORRE AD UN INTERVENTO DI RESTAURO.

Fotografare la parte da restaurare nella sua forma attuale  e nei suoi  dettagli.

Fotografare e documentare lungo tutto il percorso di restauro.

Smontaggio delle parti danneggiate e corrose.

Pulizia da incrostazioni, vernici e lavaggio da sali  sulla  parte restante.

Costruzione in copia degli attrezzi  simili a quelli originalmente usati  a sua volta per il rifacimento mancante.

Tecnica di finto invecchiamento del materiale per accostarlo all’originale.

Convertitore di ruggine e trattamento conservativo.

 

IL CORSO DI RESTAURO HA UNA DURATA DI 5 GIORNI